fbpx

La brucellosi è un dramma ma non sempre irreparabile…

bovini brucellosi

La brucellosi, detta anche febbre maltese o febbre ondulante, è una malattia infettiva causata da batteri Gram-negativi appartenenti alla famiglia delle brucelle: le specie Brucella melitensis, B. abortus, B. suis e B. canis sono coinvolte nell’infezione per gli esseri umani. Endemica in molte specie animali da reddito (bovini, ovini, caprini e suini), nell’uomo si manifesta con decorso acuto o cronico, con presenza di febbre ad andamento “intermittente” da cui il nome di febbre ondulante. Il contagio avviene per contatto con animali e materiali infetti oppure per ingestione di alimenti contaminati, principalmente latte crudo e formaggi freschi provenienti da allevamenti non controllati oppure preparati in disaccordo con le corrette procedure igieniche. Rappresenta una malattia professionale per allevatori, veterinari, operatori dei mattatoi e personale di laboratorio.

La brucellosi dei bovini e dei bufali rappresenta, nel nostro Paese, uno dei più gravi problemi legati all’economia delle aziende zootecniche a causa degli ingenti danni che la sua comparsa provoca agli allevamenti in termini di: aborti; ritenzione della placenta; infezioni genitali; sterilità; diminuzione della secrezione lattea. Di solito la comparsa della malattia in stalle “sane” avviene per l’introduzione di animali infetti e la successiva diffusione del batterio nell’allevamento attraverso contatto aereo con l’animale infettato e contaminazione ambientale derivante dalle sue secrezioni e deiezioni.

Purtroppo al presentarsi di un focolaio infettivo in azienda, si deve procedere con un programma di eradicazione obbligatorio, attraverso l’isolamento e l’abbattimento degli animali infetti e l’applicazione di una serie di norme di prevenzione per ricostituire lo stato di indennità dell’allevamento. Non devono mai mancare le attività di disinfezione periodica dei ricoveri degli animali (stalle, ovili, ecc…) e soprattutto bisogna sempre assicurarsi di introdurre in allevamento solamente animali provenienti da aziende classificabili come “indenni”.